Salta al contenuto principale

IBSchek™

Il primo esame del sangue per diagnosticare la sindrome dell‘intestino irritabile (IBS)* in pazienti con diarrea intermittente (SCI-M) o predominante (SCI-D).

Scala delle feci di Bristol

I sintomi dell’IBS sono uno dei 10 motivi principali di consultazione medica.

La sindrome dell’intestino irritabile colpisce il 10% della popolazione occidentale1.

Le somiglianze tra i sintomi dell’IBS e quelli di altri disturbi gastrointestinali sono però molte. Pertanto, la diagnosi dell’IBS può richiedere molto tempo ed essere invasiva per il paziente. IBSchekTM fornisce una soluzione tanto semplice quanto rivoluzionaria; un semplice esame del sangue su 1 provetta EDTA per determinare un IBS.

IBSchek™ può essere prescritto per il 60% degli IBS (IBS-M e IBS-D),2,3 nel caso in cui il paziente abbia diarrea:

  • Predominante (IBS-D) oppure
  • Intermittente (IBS-M).
ibscheck

 

Una soluzione semplice per affrontare il vostro caso complesso

Finora, la determinazione di un IBS-M e di un IBS-D veniva fatta su una diagnosi di esclusione basata su indagini invasive associate ai criteri di ROMA III/IV. Questo comportava un processo lungo, complesso e costoso di diagnosi differenziale celiaca.

*Inglese: Irritable Bowel Syndrome (IBS)

 

Physiopathologie du SCI

MENO INVASIVO, PIÙ VELOCE, PIÙ ECONOMICO

IBSchek™ è ad oggi l‘unico metodo che consente di diagnosticare e trattare la sindrome dell‘intestino irritabile (IBS)* rapidamente, senza la necessità di un esame approfondito

Questo semplice esame del sangue si distingue dai metodi invasivi di diagnosi dell’IBS. IBSchekTM si basa sulla fisiopatologia dell’IBS derivante da variazioni molecolari post-infettive, pur consentendo una diagnosi differenziale dell’IBS in relazione alle malattie infiammatorie intestinali.

Fisiopatologia dell’IBS

Alcuni studi hanno dimostrato una relazione diretta tra un episodio di gastroenterite acuta o un’intossicazione alimentare e l’insorgere dell’IBS4. Le EnterobatteriaceeCampylobacter jejuni, Escherichia coli, Salmonella e Shigella giocano un ruolo essenziale nella patogenesi dell’IBS a causa della secrezione di una tossina chiamata Cytolethal Distending Toxin b (CdtB).

ibscheck

Il corpo reagisce alla CdtB con una risposta immunitaria che genera anticorpi nel sangue.

A causa delle somiglianze strutturali, questi anticorpi reagiscono in modo incrociato a una proteina presente nei nervi dell’intestino, la vinculina. Questo processo, chiamato mimetismo molecolare, provoca una risposta autoimmune che colpisce la funzione dell’intestino, causando una ridotta motilità e la degradazione neurale.

Ciò si traduce in dolori addominali e gonfiori, cioè i sintomi e i segni iniziali dell’IBS.

Il en résulte des douleurs abdominales et des ballonnements, soit les symptômes et signes initiaux du SCI.

IBSchekTM

  • Determina la presenza di anticorpi anti-CdtB e anti-vinculina in pazienti con IBS mista (IBS-M) e IBS associata a diarrea (IBS-D) con una specificità superiore al 90%5. Un risultato positivo fornisce una diagnosi sicura.
  • Un risultato negativo non esclude l’IBS e dovrebbe indurre a ulteriori indagini.
  • Anche la sierologia per la celiachia deve essere o essere stata realizzata.

*Inglese: Irritable Bowel Syndrome (IBS)

IBSchek

Questo semplice esame del sangue si distingue dai metodi invasivi di diagnosi dell’IBS.

Diagnosi e trattamento

IDENTIFICARE PRECISAMENTE IL PROBLEMA

Grazie a IBSchekTM non è più necessario procedere per esclusione per diagnosticare la sindrome dell‘intestino irritabile (IBS)*

Uno dei disturbi più difficili da identificare...

Quando i pazienti con sintomi di IBS consultano il proprio medico di base, internista e gastroenterologo, questi sintomi possono essere facilmente confusi con altri disturbi gastrointestinali.

Dolori e disturbi addominali, per esempio, sono i due motivi di consulto più comuni2.

Circa il 50% dei pazienti soffre di mal di testa, mal di schiena, sonno disturbato e stanchezza2. La diagnosi dell’IBS è quindi ostacolata da sintomi che potrebbero essere associati ad altri disturbi. I medici possono avere difficoltà ad attribuire questi sintomi all’IBS, cosa che a volte si traduce in un ritardo fino a 5 anni prima della diagnosi definitiva2.

L’IBS può anche essere sovradiagnosticata, soprattutto quando i pazienti soffrono di cancro all’intestino, allo stomaco o alle ovaie.

...ora può essere diagnosticato in tutta sicurezza

IBSchekTM è un test ELISA brevettato, basato su 2 biomarcatori sierici convalidati (anti-CdtB e anti-vinculina), con una specificità provata di oltre il 90%per la diagnosi dell’IBS5. Questi biomarcatori offrono risultati affidabili, rendendo l’IBSchekTMl’unico test del sangue sicuro per la diagnosi dell’IBS.

ibscheck

 

...ed essere trattato efficacemente

Diversi studi dimostrano l’efficacia di certi approcci terapeutici, tra cui:

  • la dieta povera di FODMAPS (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols)12,15
  • Duspatalin® Retard
  • Iberogast® teinture19
  • la rifaximina (Xifaxan®) off-label6-8
  • l’eluxadoline (Truberzi®) non disponibile (2017)9-11
  • i probiotici16-18
--

*Inglese: Irritable Bowel Syndrome (IBS)

 

Prescrizioni IBSchek

2 PASSI PER UNA DIAGNOSI AFFIDABILE

IBSchekTM è l‘unico esame del sangue certificato in grado di diagnosticare la sindrome dell‘intestino irritabile (IBS)* misto e l‘IBS associato a diarrea

Sono sufficienti due passi per richiedere i test IBSchekTM:

IBSchek

Prescrivere IBSchek tramite la piattaforma online e-Unilabs

o

Posizionare l’adesivo IBSchek™ EDTA sulla classica richiesta d’analisi cartacea di Unilabs, nella sezione «Indicazioni cliniche/Altre analisi».

IBSchek

Prelevare un campione di 4 ml di sangue EDTA dal paziente

IBSchek

Tariffa: 260 CHF di cui 116 CHF rimborsabili

IBSchek

Tempo di consegna dei risultati: 2 settimane

ibscheck

 

 

1 Canavan C et al. The epidemiology of irritable bowel syndrome. Clin Epidemiol. 2014; 6: 71–80. doi: 10.2147
2 IBS in America, Survey summary findings, December 2015
3 Lovell RM, Ford AC. Global prevalence of and risk factors for irritable bowel syndrome: a meta-analysis. Clin Gastroenterol Hepatol.2012;10(7):712-721
4 Halvorson HA, Schlett CD, Riddle MS. Postinfectious irritable bowel syndrome--a meta-analysis. AM Gastroenterol. 2006; 101(8):1894-1899.
5 Pimentel M, Morales W, Rezaie A, Marsh E, Lembo A, Mirocha J, et al. (2015) Development and Validation of a Biomarker for Diarrhea-Predominant Irritable Bowel Syndrome in Human Subjects. PLoS ONE 10(5): e0126438. doi:10.1371/journal.pone.0126438
6 Pimentel, M, Lembo, A., Chey WD et al. Rifaximin Therapy for Patients with Irritable Bowel Syndrome without Constipation. N Engl J Med 2011;364:22-32.
7 Lembo AJ, Lacy BE, Zuckerman MJ, et al. Eluxadoline for Irritable Bowel Syndrome with Diarrhea. N Engl J Med 2016;374:242-53. DOI: 10.1056/NEJMoa1505180
8 Laterza L, Laniro G, Scoleri I, et al. Rifaximin for the treatment of diarrhoea-predominant irritable bowel syndrome. 2015 Mar;16(4):607-15. doi: 10.1517/14656566.2015.1007951. Epub 2015 Feb 1.
9 Lacy BE. Emerging treatments in neurogastroenterology: eluxadoline – a new therapeutic option for diarrheapredominant IBS. Neurogastroenterol Motil (2016) 28, 26–35
10 Brooks D. Cash, Brian E. Lacy, Tharaknath Rao & David L. Earnest (2015): Rifaximin and Eluxadoline — Newly Approved Treatments for Diarrhea-Predominant Irritable Bowel Syndrome: What is Their Role in Clinical Practice Alongside Alosetron?, Expert Opinion on Pharmacotherapy, DOI: 10.1517/14656566.2016.1118052
11 Cash BD, Lacy BE, Schoenfeld PS, et al. Safety of Eluxadoline in Patients with Irritable Bowel Syndrome with Diarrhea. Am J Gastroenterol 2016; doi: 10.1038/ajg.2016.542
12 Barrett JS. How to institute the low-FODMAP diet. Journal of Gastroenterology and Hepatology 2017; 32 (Suppl. 1): 8–10 doi:10.1111/jgh.13686
13 Tuck C, Barrett JS. Re-challenging FODMAPs: the low FODMAP diet phase two. Journal of Gastroenterology and Hepatology 2017; 32 (Suppl. 1): 11–15 doi:10.1111/jgh.13687
14 Staudacher HM. Nutritional, microbiological and psychosocial implications of the low FODMAP diet. Journal of Gastroenterology and Hepatology 2017; 32 (Suppl. 1): 16–19 doi:10.1111/jgh.13688
15 O’Keeffe M, Lomer MCE. Who should deliver the low FODMAP diet and what educational methods are optimal: a review. Journal of Gastroenterology and Hepatology 2017; 32 (Suppl. 1): 23–26 doi:10.1111/jgh.13690
16 Quigley EMM. Probiotics in Irritable Bowel Syndrome The Science and the Evidence. J Clin Gastroenterol [1] Volume 49, Supp. 1, November/December 2015
17 Ritchie ML, Romanuk TN (2012) A Meta-Analysis of Probiotic Efficacy for Gastrointestinal Diseases. PLoS ONE 7(4): e34938. doi:10.1371/journal.pone.0034938
18 Didari T, Mozaffari S, Nikfar S et al. Effectiveness of probiotics in irritable bowel syndrome: Updated systematic review with meta-analysis. World J Gastroenterol 2015 March 14; 21(10): 3072-3084 ISSN 1007-9327 (print) ISSN 2219-2840 (online)
19 Ottillinger B., Storr M., Malfertheiner P. et al.,  STW 5 (Iberogast)—a safe and effective standard in the treatment of functional gastrointestinal disorders, Wien Med Wochenschr. 2013 Feb; 163(3-4): 65–72.

BENVENUTO IN UNILABS.CH

CONTINUA NEL SITO WEB

OPPURE: SCEGLI UN SITO UNILABS DI UN PAESE DALLA LISTA QUI DI OPPURE: SCEGLI UN SITO UNILABS DI UN PAESE DALLA LISTA QUI DI SEGUITO